#CoachingOnAir

È vero, quando ci credi, i sogni si avverano, e te lo posso garantire perché a me è appena successo di farne avverare uno dei miei.


Certo per far avverare i sogni, così come per gli obiettivi, serve mettere delle azioni concrete, altrimenti fuffa, il sogno rimane, o ritorna, nel cassetto dove lo avevi riposto.

 

È cominciato tutto quasi per gioco, con me stesso prima di tutto, per "provarmi" e uscire un'altra volta dalla mia zona di confort.

Il rischio era quello di prendersi un no grande come una casa, di quelli che fanno male, dritto sul naso.


Il sogno era quello di "fare radio", questo è un sogno che avevo fin da quando sono ragazzino.


Certo che avere come sogno di parlare in radio, per chi come me, ha sempre avuto paura di parlare in pubblico, è un bel paradosso, una bella sfida da superare, e una bella uscita dalla propria "zona di confort", non trovi?


La radio l'ho sempre amata, e tutt'ora la ascolto parecchie ore al giorno.


Mi piace perché la puoi ascoltare anche mentre sei impegnato a fare altro, è molto discreta e poco invadente (su questo mi rispecchia molto), e solitamente porta buon umore.


Poi in un giorno qualsiasi mi è venuto un flash, un'intuizione, hai presente quelle idee che ti arrivano all'improvviso?


Ecco io ho deciso di seguire quell'intuizione.

Sapevo che il mio caro amico Roberto, aveva un carissimo amico che da qualche tempo lavorava per Radio Vera, un’emittente bresciana, da qualche tempo collegata a Radio Bruno.


Così a fine maggio decido di chiedere a Roberto, se secondo lui fosse stato possibile parlare con Giorgio, per proporgli una trasmissione che parlasse di Coaching.


Detto fatto, lui gli accenna la cosa, e una decina di giorni dopo ci troviamo tutti e tre fuori a cena, si parla del più e del meno trascorrendo una serata piacevole.


Prima di tornare a casa, lancio la mia idea a Giorgio, lui è subito entusiasta, avendo partecipato un paio di anni prima ad un corso, con Roberto, sa già più o meno di cosa parlo.


Prima di salutarci mi chiede di inviargli una mail con due righe su ciò che ho intenzione di fare, da sottoporre al direttore dell'emittente.


Anziché inviargli due semplici righe, preparo un progettino semplice ma fatto bene, e curato nei particolari.


Qualche ora dopo averlo inviato, Giorgio mi chiama euforico, dicendomi che il progetto è piaciuto moltissimo, e che Luca Riva (il direttore della radio) ci ha dato "carta bianca" per registrare 5 puntate che verranno poi messe in onda.


La mia reazione al momento è stata di sbigottimento, e felicità assoluta, un'emozione favolosa, mi sentivo totalmente euforico per un sogno che si stava per realizzare.

Devo ammettere che dopo qualche istante, oltre all'euforia, è subentrata anche tanta paura, paura del giudizio, paura di non essere all'altezza, paura di bloccarmi e non riuscire a spiaccicare una sola parola davanti al microfono.


Ma poi mi sono detto, c@77o Claudio, sei un Coach, hai tutti gli strumenti  necessari per gestire il tuo stato d'animo e le tue paure, vai divertiti e vivi il tuo sogno nel migliore dei modi.


Nelle settimane a seguire l'approvazione del progetto, mi sono sentito e incontrato più volte con Giorgio per pianificare bene la trasmissione, e comprendere come si sarebbero svolte le registrazioni.

Poi un sabato mattina, esattamente il 2 agosto verso le 10.30, ricevo una telefonata da Giorgio, che mi chiede la disponibilità ad andare in diretta telefonica alle 11.00 con lui e Sara, per presentare la "nostra" trasmissione.


Accetto con l'emozione che come puoi immaginare era a mille, ho mezz'ora di tempo per preparare due cose da dire (che poi non ho detto), e gestire l'emozione.


Com'è andata? Ascolta tu stesso, qui di seguito trovi il podcast con l'intervista:

Passa il tempo e finalmente a settembre, viene fissata la data della prima registrazione, esattamente è per il giorno martedì 9 alle 17.30.


Arrivo alla sede di Radio Vera, puntualissimo ed emozionato come un bambino al primo giorno di scuola.


Percepisco subito una bella atmosfera, provo sensazioni piacevoli, e mi sento emozionato ma tranquillo allo stesso tempo.


Giorgio mi viene incontro, mi saluta calorosamente e mi presenta a Luca, il direttore, due chiacchiere veloci, mi mettono e mi sento subito a mio agio.


Subito la prima sorpresa, Luca mi dice:


"Visto che sei qui, anziché registrare solo la prima puntata, perché non ne registrate addirittura due?"


Rispondo immediatamente di si, e un istante dopo penso:

 

"Aiutoooo non ho preparato nulla sull'argomento."


Pochi minuti dopo siamo in studio, Giorgio mi da qualche ragguaglio tecnico e siamo pronti.

Mi siedo davanti al microfono, indosso le cuffie, ancora qualche parola con Giorgio per capire il ritorno in cuffia.


L'emozione sale, e 3, 2, 1 si parte, siamo OnAir, la voce calda e avvolgente di Giorgio mi arriva in cuffia mentre saluta e da il benvenuto agli ascoltatori, mentre lui mi presenta, tiro un respiro profondo, mi stampo un bel sorriso sulla faccia, e sono pronto.


Con le prime parole che dico, ecco che si realizza il mio sogno di “fare radio”,  è un momento che non scorderò mai, tante emozioni mi avvolgono, poi tutto diventa quasi surreale, tutte le preoccupazioni di non farcela svaniscono in un baleno.


Mi sento a mio agio, come se “fare radio” fosse per me la cosa più naturale di questo mondo, gestisco ogni emozione, mi diverto moltissimo, e mi sento come su di una giostra, dalla quale non vuoi più scendere.


Le prime due puntate sono registrate, il lavoro per ora è finito, e sapere di poter raggiungere centinaia o forse migliaia di persone e poter dar loro spunti di crescita e riflessione parlando di coaching, mi ripaga di tutto lo studio, di tutti gli sforzi, e sacrifici fatti in questi ultimi anni.


Ora lasciamo fare all’etere il suo lavoro, e rimaniamo in attesa dei risultati.

Le puntate andranno in onda partendo da giovedì 2 ottobre, e per tutti i giovedì di ottobre alle ore 9.30 del mattino.


Per chi vive a Brescia, Bergamo, Lodi, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, la frequenza per ascoltare la trasmissione su Radio Vera è la seguente: 93.3


In ogni caso puoi sentire la trasmissione anche in streaming, comodamente dal tuo computer, cliccando qui.


Prima di concludere questo articolo, voglio sinceramente ringraziare chi ha permesso tutto questo, credendo in me e in questo progetto.


Ringrazio prima di tutto Luca Riva direttore di Radio Vera, ringrazio Roberto per avermi messo in contatto con Giorgio, ringrazio tutte le persone e gli amici che mi hanno sostenuto e dato coraggio, e infine ringrazio il mio compagno di viaggio di questa fantastica avventura Giorgio Salvetti Sodano.


A presto


Claudio Gilberti

 

P.S.: Se ti sei perso le puntate le puoi trovare e risentire quando vuoi nella sezione podcast del sito.

 

 


Sentiti libero di commentare questo articolo, e di condividerlo con i tuoi amici nei vari social network usando i bottoni che trovi di seguito.

 

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    Lorena (mercoledì, 01 ottobre 2014 15:01)

    Che bello! sono davvero felice che hai realizzato uno dei tuoi sogni (ne hai altri vero?).
    Ti è "sfuggito" un ringraziamento nel tuo articolo... un GRANDE grazie a te perchè sei stato il primo a crederci!!!

    Un abbraccio!

  • #2

    Anton Guido (mercoledì, 01 ottobre 2014 17:38)

    Claudio...pare impossibile che questo articolo arrivi proprio oggi...ti racconterò con calma...intanto,domani mattina,cercherò di interrompere la mia attività in palestra per ascoltarti...non nascondo che mi piacerebbe anche intervenire in merito a ciò che sento adesso...se i sogni non si stanno avverando,è anche perchè siamo convinti di non cogliere i segnali del cambiamento... ;)
    Un abbraccio
    Anton Guido

  • #3

    Claudio Gilberti (mercoledì, 01 ottobre 2014 19:57)

    Ciao Lorena,
    grazie per il bellissimo commento. Si si, ne ho altri di sogni e ci sto lavorando... ;-)
    Hai ragione, è d'obbligo ringraziare anche me stesso. :-)

    Un abbraccio

  • #4

    Claudio Gilberti (mercoledì, 01 ottobre 2014 20:00)

    Ciao Anton Guido, che bello ritrovarti.
    Come ben sai nulla arriva per caso...quindi un motivo ci sarà anche per te l'arrivo di questo mio articolo...non vedo l'ora di sentire cos'hai da raccontarmi...quando vuoi ti sento molto volentieri.

    Un forte abbraccio

  • #5

    Giuseppe (lunedì, 13 ottobre 2014 09:33)

    Che dire?
    Bravo!
    Bravo per te e Bravo per l'esempio che dai.
    Grande!!

  • #6

    Claudio Gilberti (lunedì, 13 ottobre 2014 10:15)

    Ciao Giuseppe, grazie per il commento!
    Ti ringrazio veramente molto per i complimenti.
    Un abbraccio