Quale sarà il tuo verso?

 

Una delle scorse sere, vista la pochezza della programmazione televisiva, ho deciso di riguardarmi quello che ritengo essere uno dei miei film preferiti, “L’attimo fuggente”.


La prima volta che l’ho visto, ormai più di 20 anni fa, mi ha emozionato in modo particolare e in un certo senso ha anche cambiato la mia vita per la qualità dei contenuti.

Aldilà della magistrale interpretazione di Robin Williams nei panni del “mitico e anticonformista” Prof. Keating, e della magnifica fotografia che dà valore aggiunto a tutto il film, quello che ha colpito me allora, e mi colpisce ogni volta che lo rivedo, è la capacità che questo film ha di trasmetterti il desiderio di seguire i tuoi sogni, di scoprire i tuoi talenti, di uscire dal conformismo nel quale spesso si cade, di trovare e far uscire la tua vera essenza.


Ci sarebbero un’infinità di frasi e scene da condividere, anzi se fosse per me lo condividerei per intero tanto è ricco di saggezza, profondità, e poesia questo film, ma mi limito a prendere soltanto un paio di lezioni del mitico professore.


Beh, la prima è una delle scene madri che ha reso celebre questo film, e anche se probabilmente la conosci, ti invito a rivederla prima di continuare a leggere:


 

“Cogli la rosa quando è il momento, che il tempo, lo sai, vola, e lo stesso fiore che oggi sboccia, domani appassirà.

 

Orazio

 

Che dire di questa scena, un’esortazione a vivere nel momento a godere di ciò che siamo e abbiamo, uno stimolo a pensare al qui ed ora, a vivere l’oggi nella sua totale pienezza.


Il senso di questa frase, secondo me è l’essenza della vita, e ci sprona a vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo, perché la vita scorre in attimo e se non la viviamo al massimo rischiamo di arrivare alla fine dei nostri giorni senza esserci resi conto di aver vissuto.


Quante volte (io per primo) ci perdiamo in stupidaggini, in rancori che non servono e non portano a nulla, dimenticandoci ciò che è veramente importante: la vita nella sua totale semplicità.


Mi sono chiesto molte volte come posso rendere straordinaria la mia vita, tanto ci ho riflettuto, e ce la sto mettendo tutta per farlo in ogni momento, e tu la stai rendendo straordinaria la tua vita, partendo da ora?


La seconda scena che ho scelto parla del conformismo:


 

“Due strade trovai nel bosco, io scelsi quella meno battuta; ed è per questo che io sono diverso.”


Robert Frost


Io devo ammettere che sono fortunato in questo, ho potuto scegliere la mia strada senza essere ostacolato, svolgo un lavoro che mi piace e sono grato per questo.


Nella mia vita è successo di essermi anche conformato con l’ambiente e le persone che ho frequentato, e questo credo sia normale e naturale, ma mai ho lasciato che questo interferisse con quelli che sono i miei princìpi e valori.


Tante volte ho scelto sentieri meno battuti, a volte scontrandomi fortemente con amici per la mia netta presa di posizione, perché certo che quel sentiero meno battuto fosse più sano e mi avrebbe fatto star meglio, in quanto la ritenevo quella più giusta da percorrere e più in linea con me, nonostante fossi consapevole delle asperità che avrei incontrato.


Ma quando dentro di te hai la consapevolezza di ciò che vuoi, nulla ti impaurisce e prosegui per la tua strada, anche da solo, pur di raggiungere e far avverare i tuoi sogni.


E tu che strada hai scelto, la tua o quella che qualcun altro ha scelto per te?


Ti lascio alle tue riflessioni con una magnifica poesia scritta da Walt Whitman, naturalmente sempre tratta da questo magnifico film:


“Oh me, oh vita!

Domande come queste mi perseguitano,

infiniti cortei d’infedeli,

città gremite di stolti,

che vi è di nuovo in tutto questo,

oh me, oh vita!

 

Risposta

 

Che tu sei qui,

che la vita esiste e l’identità,

che il potente spettacolo continui,

e che tu puoi contribuire con un verso.”

 

 

E parafrasando il Prof. Keating, ti chiedo: “Quale sarà il tuo verso?”


A presto


Claudio

 


Sentiti libero di commentare questo articolo, e di condividerlo con i tuoi amici nei vari social network usando i bottoni che trovi di seguito.

 

Scrivi commento

Commenti: 0